Il sito utilizza esclusivamente cookies tecnici

X

Giovinotti non esageriamo!

Gli altri ospiti della nave cominciavano a destarsi. Il primo ad apparire sul ponte fu il vecchietto di cui ci sfugge il nome. Il figlio del guardiano dell' Harem gli andò incontro.

- Stanotte - gli disse, acconciandosi i cannolè della vestaglia - mentre mi voltavo e rivoltavo nel letto, pensando a mio padre, m'è venuta un'idea: non sareste voi, per caso, mio padre?

- Mi dispiace per voi, - rispose il vecchietto - ma io non ho mai avuto figli.

- Tuoni d'Amburgo! - gemè l'orientale, levando gli occhi al cielo, in posa di grande sconforto.

- Piuttosto - fece il vecchietto - vede quella nuvoletta quasi invisibile in direzione del mio dito?

L'orientale si volse lentamente nella direzione indicata e stava cercando con l'occhio la nuvoletta foriera di tempesta, quando sentì colpirsi da un calcio alle spalle. Si guardò indietro e, credendo d'averlo ricevuto da Fagiolino, gli allungò un ceffone.

- Che c'entro io? - gridò il poeta, che non se l'aspettava da una così distinta persona.

Abdallah, vedendo il vecchietto che si sbellicava, fece, un po' alterato:

- Che scherzi son questi?

- Vostro Onore mi perdoni, - disse l'altro - mi son permesso di fare lo scherzo della nuvoletta. E' uno scherzo molto praticato in alto mare e consiste nel far voltare un amico, con la scusa di una nuvoletta quasi invisibile, e nel dargli una pedata mentre egli vi presenta le spalle.

- é uno scherzo grazioso - mormorò il figlio di Mesrur bey - e lo sperimenterò alla prima occasione. Ma ecco che arriva qualcuno. Ora ci divertiremo.
Proprio in quel momento, infatti, appariva sul ponte Samuele Taccletone.

- Vede quella nuvoletta quasi invisibile? - gli disse il figlio del guardiano dell' Harem.

- lo sono un po' miope, - fece il podista suo malgrado - mi dia un cannocchiale, per favore.

Abdallah si voltò per chiedere un cannocchiale al capitano, quando sentì colpirsi alle spalle da un calcio accompagnato da una risata. Guardò il podista, aggrottando leggermente le lunghe ciglia arcuate, e disse:

- Senta, io non la strangolo per una sola ragione.

- Quale? - chiese il podista.

- Questa: che ella potrebbe esser mio padre. Ma, perchè nessuno pensi che io sia tipo da tenermi un affronto, olà, guardate.

Allungò un altro ceffone a Fagiolino, che, non avendo seguito il sottile ragionamento dell'Orientale, ne fu oltremodo stupito.

- Andiamo! - fece l'altro - ho io forse la faccia d'esser suo padre? Piuttosto, non capisco perchè s'è tanto adontato. Io le ho fatto uno scherzo: lo scherzo del cannocchiale, molto in uso presso i vecchi lupi di mare.

- Grazioso - fece l'orientale.

E, vedendo apparire il presunto zio Francesco che magnetizzava i boccali di birra, ammiccò ai presenti e disse:

- Ha per caso un cannocchiale?

- Ce n'è uno proprio nel boccaporto, dietro di lei - fece quell'anzianotto dalla faccia congestionata.

Abdallah si curvò sul boccaporto, quando un calcio dietro le reni lo fece rizzare di scatto.

- C'è caduto! - grido l'anzianotto, battendo le mani.

- Oh, questo è troppo! - fece l'orientale, un pò alterato, squadrando il vecchiaccio. - Non la prendo a schiaffi per un riguardo alla sua età; ma, perchè nessuno possa credere che non reagisco per vigliaccheria, darò uno schiaffo al signore, che mi sembra giovane e in gamba.
Allungò un ceffone a Fagiolino.

- Ma questi sono sofismi! - protesta il poeta.

- Un riguardo alla mia età? - gridò il magnetizzatore dei boccali di birra, inviperito. - M' ha preso per vecchio, razza di moscerino! Non le dò il fatto suo proprio per rispetto all'ospitalità. Ma, perchè non si debba credere che sono un vile, ecco qua, mi siete tutti testimoni.

Dette un ceffone a Fagiolino.

- Ah, sì? - replicò Abdallah. - Lei crede di farmi paura, mostrandomi la sua forza? Guardi la mia, allora.

- Ora tocca a me - mormorò Fagiolino.

Non potè terminar la frase, che un ceffone lo raggiunse in pieno volto. Egli cercò di metter pace fra i litiganti.

- Via, - disse - smettetela, fate la pace. Non date questo spettacolo poco edificante.

Come spesso avviene, il paciere ebbe la peggio.

- Che c'entra lei? - gridarono i due litiganti.

E, irritati, lo presero a pugni.

In realtà, non bisogna mai intromettersi nelle dispute degli altri.

Finalmente, riconosciutisi entrambi coraggiosissimi, I'orientale e lo zio Francesco si strinsero le mani.

- Del resto, - disse il secondo dei due - non capisco perchè se l'è avuta tanto a male. Io le ho fatto semplicemente lo scherzo del boccaporto, che da un pezzo è in gran voga sui transatlantici.

- Ci debbo credere? - chiese piano Abdallah, un poco sospettoso, al capitano.

- Se il signore lo afferma! - mormorò Maldacea. - E del resto, per sincerarsene, provi a far lo scherzo a costui.

Indicò il pugilatore Negro che in quel momento usciva dalla cabina in compagnia della fiera vergine. Lo scherzo, finalmente, riuscì a maraviglia. Ma il pugilatore, che non sapeva stare agli scherzi, quando si sentì colpire da un calcio, si voltò su tutte le furie e abbattè Fagiolino.


Da: "Giovinotti non esageriamo!"
1929 - Treves

top | back