Il sito utilizza esclusivamente cookies tecnici

X

Chiarastella
Era vicina l'ora del tramonto e le sabbie, dopo avere scottato per una intera giornata, divenivano a poco a poco fresche. Nulla è piú dolce di questa ora nel deserto. Il cielo prendeva colore e, avendo il sole quasi raggiunto l'estremo limite dell'orizzonte, la mia ombra s'allungava smisurata dietro di me. Nella grande solitudine non s'udiva il minimo rumore e qualche alito di vento, portando l'annuncio dell'imminente freschezza, pareva dire: Fra poco, qui, si farà una notte che nessuno vedrà.
Quando, all'improvviso, udii gridare: - Si tolga, si tolga di là! Presto!


Mi voltai e vidi, a poca distanza da me, un esploratore che mi faceva gran gesti perchè m'allontanassi. Indietreggiai istintivamente, pensando che da qualche parte si dovesse sparare nella mia direzione. Ma l'altro, sempre piú concitato, gridò:


- Si nasconda dietro quella duna, subito!


Mi nascosi e per alcuni minuti non detti segno di vita. Poi, non udendo nulla, feci capolino: l'esploratore fissava il panorama. Pensai che volesse fare una fotografia, ma poichè non vidi nè fotografie nè pericoli, uscii dal nascondiglio. Lo sconosciuto si voltò al rumore.


Resti nascosto, per carità - gridò-


Ma perchè? - domandai - C'è in pericolo?



- No. - rispose - Se c'è lei, questo non è piú un deserto. Si nasconda


Da: "Chiarastella"
1934 - Mondadori

top | back